Supporto al disagio


IL PROGETTO“UN PERCORSO PER MOTIVARE, UN CAMMINO PER IMPARARE”

Il nostro Istituto è coinvolto in un percorso di ricerca-azione avente come focus la motivazione e coinvolge docenti, alunni, genitori. Il progetto viene condotto da esperti esterni alla scuola e da due insegnanti interni all’Istituto in qualità di referenti:

  • Dott.ssa Cerruti Biondino Elena, psicologa, psicoterapeuta, specializzazione in neuropsicologia dell’età evolutiva
  • Dott.ssa Renza Rosiglioni, psicologa clinica e psicoterapeuta
  • Michele Osella – educatore professionale
  • Insegnanti Sanfilippo Concetta e Mamprin Elena

Il progetto prevede la finalità di creare un’azione educativa mirata, in grado di rapportarsi alle potenzialità individuali di ciascun alunno e di valorizzarne le differenze per trasformarle in risorse, favorendo in tal modo l’inserimento degli studenti all’interno della realtà scolastica e il raggiungimento dell’autonomia nei suoi diversi aspetti. Si tratta di una relazione educativa che privilegi la motivazione, pianificare strategie didattiche metacognitive per sviluppare attitudini all’automotivazione, creare una interdipendenza positiva tra scuola e famiglia nell’ottica della condivisione di un progetto educativo.

Il percorso sull’aspetto motivazionale coinvolge i docenti dei tre ordini di scuola sui temi relativi alla metacognizione, all’approccio allo studio e alla capacità di autoregolazione nei processi di apprendimento, con l’obiettivo di aumentare negli allievi la propria autostima e il senso di autoefficacia.

Si parte da una analisi dei processi metacognitivi degli insegnanti rispetto alle loro convinzioni e attribuzioni su successi e insuccessi scolastici, analisi delle convinzioni circa le potenzialità intellettive proprie e degli allievi e approccio allo studio ed all’apprendimento sia rispetto a sé sia rispetto agli allievi. Le fasi di realizzazione del progetto prevedono interventi di formazione a favore dei docenti dei tre ordini di scuola e le azioni saranno sviluppate all’interno del contesto sezione/classe e orientate ad un processo di ricerca azione caratterizzato da scelte metodologiche differenti e personalizzate che comprendano attività ludiche e creative, laboratori didattico-educativi in termini di inclusività sull’autostima attraverso modalità di cooperazione tra pari, quale strumento elettivo per incentivare autorealizzazione e 51 motivazione all’ apprendimento in termini di padronanza e, nel contempo, vincolo positivo al raggiungimento del risultato e relazione di sostegno reciproco nell’ottica di costruzione di efficaci percorsi formativi nella glottodidattica inclusiva, nell’imparare ad imparare come competenza chiave di cittadinanza nel life long learning. Oltre questi bisogni riscontrabili negli allievi, l’Istituto ha ritenuto essenziale attivare un piano di formazione volto ad incoraggiare gli insegnanti di ogni ordine e grado a mutare le proprie convinzioni, attribuzioni e metacognizioni rispetto alle proprie prestazioni, per contrastare stress lavoro-correlato e per incentivare più corretti processi metacognitivi negli allievi, strategia che in letteratura è definita “EMPOWERMENT COGNITIVO”.

Al fine di conseguire, in maniera obiettiva, traguardi consapevoli e mirati, il progetto prevede la somministrazione di una serie di questionari tratti dal testo AMOS Cornoldi, De Beni, Zamperlin, Meneghetti Erikson: “ABILITA’ E MOTIVAZIONE ALLO STUDIO: prove di valutazione per ragazzi dagli 8 ai 15 con lo scopo di rilevare abilità e motivazioni allo studio, al fine di individuare precocemente atteggiamenti disfunzionali all’apprendimento. È una batteria che tiene conto dell’insieme complesso di relazioni che esiste fra fattori metacognitivi, strategici, cognitivi ed emotivomotivazionali che fanno di ciascun alunno, uno studente competente”

  • Questionario su utilità e uso delle strategie di studio (QS1 e QS2)
  • Questionari su convinzioni (QC1I, QC2F, QC3O) e attribuzioni (QCA)
  • Questionario sull’approccio allo studio (QAS)
  • Prova di studio (PS1) III, IV, V elementare
  • Prova di studio (PS2) III, IV, V elementare
  • Prova di studio (PS3) scuole medie- I superiore
  • Prova di studio (PS4) scuole medie- I superiore

Le prove saranno somministrate secondo il protocollo definito e tabulate secondo le indicazioni presenti nell’AMOS per verificare strategie funzionali e disfunzionali allo studio, presenza di ansia, fiducia e sfiducia nella propria intelligenza, stili attributivi.