Consiglio d’istituto


Verbali Consiglio di Istituto:

Verbale n_7   28-6-13

Verbale n_9   19-9-13

Verbale n_10 07.11.13

Verbale n._11 29.11.13

Verbale n_ 12 17.12.13

Verbale n_ 13 30.01.14

Verbale n_14 14.02.14

Verbale n_15 30-04-14

Verbale n_16 18.06.14

Verbale n_17 02.10.14

Verbale n_18 06.11.14

Verbale n_19 27.11.14

Verbale n_20 18-12-14

Verbale n_21 11-02-15

Verbale n_22 11-05-15

Verbale n_23 22.06.15

Verbale n_24 24-9-15

Verbale n_25 06-11-15

PROCLAMAZIONE degli ELETTI

Verbale n_1 04-12-15

Verbale n_2 15-12-15

Verbale n_3 27-01-16

Verbale n_4 15.02.16

Verbale n_5 13-05-16

verbale n_6 28-06-16

Verbale n_7 12-10-16

Verbale n_8 09-11-16

Verbale n_9 07-02-17

Verbale n_10 28-03-17

Verbale n_11 09-05-17

 

—————————————————-

Il consiglio della scuola dura in carica tre anni scolastici ed è rinnovato entro il 31 ottobre successivo alla sua scadenza.
I rappresentanti del personale docente sono eletti dal collegio dei docenti, quelli del personale amministrativo, tecnico e ausiliario dal personale in servizio nel Circolo; quelli dei genitori degli alunni sono eletti dai genitori stessi. Il consiglio di circolo è presieduto da uno dei membri eletto a maggioranza dai suoi componenti.
Il Consiglio elegge nel suo seno una giunta esecutiva, composta da un docente, un impiegato amministrativo o tecnico ausiliario e da due genitori. Della giunta fanno parte di diritto il Dirigente scolastico che la presiede ed il dirigente amministrativo che svolge anche funzioni di segretario della giunta stessa.
– Il Consiglio di Circolo o di istituto, elabora e adotta gli indirizzi generali e determina le forme di autofinanziamento.
– Delibera il bilancio preventivo e il conto consuntivo e dispone in ordine all’impiego dei mezzi finanziari per quanto concerne il funzionamento amministrativo e didattico del circolo o dell’istituto
– Il consiglio di circolo, fatte salve le competenze del collegio dei docenti e dei consigli di interclasse e di classe, ha potere deliberante per quanto concerne l’organizzazione e la programmazione della vita e dell’attività della scuola nei  limiti delle disponibilità di bilancio nelle seguenti materie: adozione del regolamento interno del circolo, acquisto, rinnovo e conservazione delle attrezzature tecnicoscientifiche e dei sussidi didattici, compresi quelli audio-visivi, le  dotazioni librarie, e l’acquisto di materiali di consumo occorrenti per la scuola., adattamento del calendario scolastico alle specifiche esigenze ambientali.
– Il Consiglio indica, altresì i criteri generali relativi alla formazione delle classi, all’adattamento dell’orario delle lezioni alle condizioni ambientali ed al coordinamento organizzativo, esprime parere sull’andamento didattico ed amministrativo del circolo.
– Esercita le funzioni in materia di sperimentazione ed aggiornamento previste dagli articoli 276 e seguenti
– Esercita le competenze in materia di uso delle attrezzature e degli edifici scolastici ai sensi dell’art.94
– Delibera,sentito per gli aspetti didattici il Collegio dei docenti, le iniziative dirette alla educazione della salute e alla prevenzione delle tossico dipendenze…
Nel caso di persistenti e gravi irregolarità o di impossibilità di funzionamento o di continuata inattività del consiglio della scuola, il dirigente scolastico regionale, provvede al suo scioglimento, nominando un commissario straordinario che resta in carica fino alla costituzione del nuovo consiglio.